Prossimo evento

Calendario Eventi

Dicembre 2017
L M M G V S D
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Iscriviti alla newsletter

 

Quando invii il modulo, controlla il tuo indirizzo email per confermare l'iscrizione

 

Inviaci la tua opera

Inviaci biografia, sinossi, opera completa e i tuoi recapiti per

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

e ti risponderemo in breve tempo

Pubblica con PB

Saggi, romanzi, racconti, poesie, manuali, tesi, ricerche, atti di convegni, ecc. in cartaceo e in eBook.

"REGISTRATI" per poter inserire una recensione o per acquistare. La Registrazione implica l'avere letto e accettato quanto riportato nel documento Privacy

Email

Qualcosa da leggere in treno

Codice ISBN: 9788899399344
Autore: Marianna Astarita Maresca
Titolo: QUALCOSA DA LEGGERE IN TRENO
Anno di Edizione: 2017
Numero di pagine: 140
Prezzo: € 12,00
Genere: RACCONTI
Valutazione: Nessuna valutazione
Prezzo:
Prezzo di vendita: 12,00 €
Qualcosa da leggere in trenoQualcosa da leggere in treno
Qualcosa da leggere in trenoQualcosa da leggere in treno
Descrizione

IL LIBRO

Tredici racconti che si propongono per far trascorrere più velocemente quel tempo che dobbiamo affidare alle nostre ferrovie, quasi come dazio per espiare i nostri peccati e che spesso ci stressa di brutto. Il filo conduttore tra loro è dato dal modo di vedere la vita, di cogliere i particolari, di sentire e provare le emozioni. Racconti per un libro tascabile da infilare in qualunque borsa o borsello e riprendere quando ci si vuol abbandonare, rilassare e si desidera 'arrivare prima'.

 

L'AUTRICE

Cantante lirica del Teatro San Carlo di Napoli, pianista, mandolinista e direttore dell’orchestra a plettro “Vincenzo Schisano”, non- ché moglie e madre di 3 bambini, Marianna Astarita Maresca, classe 1970, è una sorrentina con la passione per tutto ciò che si avvicina all’arte. Le sue innumerevoli passioni la portano dalla musica alla scrittura, alla pittura, fino in cucina dove da anni è molto attiva con corsi sull’alimentazione bio-vegetariana. Oltre ad aver scritto composizioni musicali, eseguite già in diversi concerti, ha realizzato una fiaba musicale “Mandolonc” (testo e musica) che è parte integrante di un progetto didattico per le scuole primarie per la diffusione del mandolino. “Qualcosa da leggere in treno” è il suo primo libro, ma uno dei racconti contenuti in esso, Dino e Dina, è stato scelto per la realizzazione di un cortometraggio a Pieve a Nievole (PT) per un corso di cinema organizzato dall’Associazione “Cantiere di Critica Culturale”, ed è stato proiettato in anteprima nel giugno 2010.

 

 

Recensioni
Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Subcategory
Video

IL LIBRO

Tredici racconti che si propongono per far trascorrere più velocemente quel tempo che dobbiamo affidare alle nostre ferrovie, quasi come dazio per espiare i nostri peccati e che spesso ci stressa di brutto. Il filo conduttore tra loro è dato dal modo di vedere la vita, di cogliere i particolari, di sentire e provare le emozioni. Racconti per un libro tascabile da infilare in qualunque borsa o borsello e riprendere quando ci si vuol abbandonare, rilassare e si desidera 'arrivare prima'.

 

L'AUTRICE

Cantante lirica del Teatro San Carlo di Napoli, pianista, mandolinista e direttore dell’orchestra a plettro “Vincenzo Schisano”, non- ché moglie e madre di 3 bambini, Marianna Astarita Maresca, classe 1970, è una sorrentina con la passione per tutto ciò che si avvicina all’arte. Le sue innumerevoli passioni la portano dalla musica alla scrittura, alla pittura, fino in cucina dove da anni è molto attiva con corsi sull’alimentazione bio-vegetariana. Oltre ad aver scritto composizioni musicali, eseguite già in diversi concerti, ha realizzato una fiaba musicale “Mandolonc” (testo e musica) che è parte integrante di un progetto didattico per le scuole primarie per la diffusione del mandolino. “Qualcosa da leggere in treno” è il suo primo libro, ma uno dei racconti contenuti in esso, Dino e Dina, è stato scelto per la realizzazione di un cortometraggio a Pieve a Nievole (PT) per un corso di cinema organizzato dall’Associazione “Cantiere di Critica Culturale”, ed è stato proiettato in anteprima nel giugno 2010.