Calendario Eventi

Settembre 2020
L M M G V S D
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 1 2 3 4

Iscriviti alla newsletter

 

Quando invii il modulo, controlla il tuo indirizzo email per confermare l'iscrizione

 

Inviaci la tua opera

Inviaci biografia, sinossi, opera completa e i tuoi recapiti per

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

e ti risponderemo in breve tempo

Pubblica con PB

Saggi, romanzi, racconti, poesie, manuali, tesi, ricerche, atti di convegni, ecc. in cartaceo e in eBook.

"REGISTRATI" per poter inserire una recensione o per acquistare. La Registrazione implica l'avere letto e accettato quanto riportato nel documento Privacy

Email

La neve rossa. Il pugile nel lager

ISBN: 9788895030630
Autore: FRANCESCO GIANNASI
Titolo: LA NEVE ROSSA
Sottotitolo: IL PUGILE NEL LAGER
Prezzo: 10,00
Genere: Narrativa, drammatici

Valutazione: Nessuna valutazione
Prezzo:
Prezzo di vendita: 10,00 €
Prezzo di vendita IVA esclusa: 10,00 €
9788895030630
  • 9788895030630
Descrizione

Abstract:

… notò che la neve in diversi punti era rossa. In tutto il suo 'soggiorno' la chiamò la 'neve rossa', perché pur nevicando magari tutta la notte, la mattina seguente quelle macchie c'erano ancora. Più tardi seppe da un compagno prigioniero che spesso i soldati tedeschi la sera entravano nelle baracche, prendevano due prigionieri e li portavano fuori sotto la tormenta.
Li facevano spogliare e li lasciavano così al freddo e al gelo finché i loro corpi non diventavano viola e gli arti si atrofizzavano. A quel punto li sparavano, ma non a morte; li ferivano più volte e li lasciavano ad agonizzare per un'infinità di tempo, in mezzo al loro sangue che impregnava la neve tutt'intorno …

Recensioni
Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Subcategory
Video

Abstract:

… notò che la neve in diversi punti era rossa. In tutto il suo 'soggiorno' la chiamò la 'neve rossa', perché pur nevicando magari tutta la notte, la mattina seguente quelle macchie c'erano ancora. Più tardi seppe da un compagno prigioniero che spesso i soldati tedeschi la sera entravano nelle baracche, prendevano due prigionieri e li portavano fuori sotto la tormenta.
Li facevano spogliare e li lasciavano così al freddo e al gelo finché i loro corpi non diventavano viola e gli arti si atrofizzavano. A quel punto li sparavano, ma non a morte; li ferivano più volte e li lasciavano ad agonizzare per un'infinità di tempo, in mezzo al loro sangue che impregnava la neve tutt'intorno …