Prossimo evento

Calendario Eventi

Ottobre 2020
L M M G V S D
28 29 30 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1

Iscriviti alla newsletter

 

Quando invii il modulo, controlla il tuo indirizzo email per confermare l'iscrizione

 

Inviaci la tua opera

Inviaci biografia, sinossi, opera completa e i tuoi recapiti per

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

e ti risponderemo in breve tempo

Pubblica con PB

Saggi, romanzi, racconti, poesie, manuali, tesi, ricerche, atti di convegni, ecc. in cartaceo e in eBook.

"REGISTRATI" per poter inserire una recensione o per acquistare. La Registrazione implica l'avere letto e accettato quanto riportato nel documento Privacy

Email

Dei luoghi e della loro assenza

Codice ISBN: 9788831467063
Autore: ANDREA CIRILLI
Titolo: DEI LUOGHI E DELLA LORO ASSENZA
Sottotitolo: versi dispersi (anni incerti)
Anno di Edizione: 2020
Numero di pagine: 140
Prezzo: € 12,00
Genere: SILLOGE POETICA
Valutazione: 4/5
Prezzo:
Prezzo di vendita: 11,40 €
Prezzo di vendita IVA esclusa: 12,00 €
Sconto: 0,60 €
Dei luoghi e della loro assenzaDei luoghi e della loro assenza
Dei luoghi e della loro assenzaDei luoghi e della loro assenza
Descrizione

IL LIBRO

Dei luoghi o della loro assenza è una silloge sul viaggio dell’anima attraverso i luoghi dell’esistenza e dell’interiorità, e per certi versi della storia. Luoghi di vita vissuta, come gli spazi del quotidiano (l’appartamento, il lavoro, i mezzi di trasporto…), la suggestione di una meta di viaggio, oppure il desi-derio (la nostalgia?) di casa, qualunque cosa essa significhi. Luoghi interiori, quali la memoria e il sogno, in cui l’io prova a rielaborare il passato, ovvero a immaginare il domani. E luoghi della storia in cui l’io si trova, per lo più accidentalmente, ad affacciarsi, che siano le lunghe, incomprensibili, crisi economiche, oppure la globalizzazione e le sue contraddizioni. Quasi in un moto ondivago, l’anima si scopre talvolta in armonia, talaltra in conflitto, con i luoghi che segnano il suo cammino, come pure con la loro assenza. Sempre affiorano, tuttavia, il bisogno di connettersi con lo spazio intorno e l’urgenza di riconciliarsi. Luoghi e non-luoghi del ritrovo, dell’incontro insperato e di un nuovo inizio, ma anche dell’addio e della perdita. Luoghi come testimoni silenti, talvolta partecipi, degli incroci della vita e dello sviluppo della sua trama.

 

L'AUTORE

Andrea Cirilli è nato a Jesi, nelle Marche. Dopo il liceo scientifico nella sua città natale e gli studi di economia ad Ancona, si è trasferito a Roma per lavoro, dove tuttora risiede. Esperienze di studio e lavorative lo hanno por-tato a vivere per alcuni periodi anche a Glasgow e Francoforte sul Meno. Dei luoghi o della loro assenza è la sua seconda silloge, dopo l’esordio con La vita in mezzo (Augh! Edizioni). Alcune sue liriche sono state finaliste in premi letterari nazionali. Ha inoltre pubblicato alcuni racconti brevi in antologie di autori vari.
Recensioni
Domenica, 16 Agosto 2020
Una raccolta di poesie che ti fanno viaggiare tra svariati luoghi, raccontati ciascuno come dei quadri, e tra i sentimenti che in modo profondo l’autore esprime, a tratti in tono malinconico e nostalgico, a tratti con l’urgenza di immaginare e sognare il domani. Da leggere.
PeGra03
Subcategory
Video

IL LIBRO

Dei luoghi o della loro assenza è una silloge sul viaggio dell’anima attraverso i luoghi dell’esistenza e dell’interiorità, e per certi versi della storia. Luoghi di vita vissuta, come gli spazi del quotidiano (l’appartamento, il lavoro, i mezzi di trasporto…), la suggestione di una meta di viaggio, oppure il desi-derio (la nostalgia?) di casa, qualunque cosa essa significhi. Luoghi interiori, quali la memoria e il sogno, in cui l’io prova a rielaborare il passato, ovvero a immaginare il domani. E luoghi della storia in cui l’io si trova, per lo più accidentalmente, ad affacciarsi, che siano le lunghe, incomprensibili, crisi economiche, oppure la globalizzazione e le sue contraddizioni. Quasi in un moto ondivago, l’anima si scopre talvolta in armonia, talaltra in conflitto, con i luoghi che segnano il suo cammino, come pure con la loro assenza. Sempre affiorano, tuttavia, il bisogno di connettersi con lo spazio intorno e l’urgenza di riconciliarsi. Luoghi e non-luoghi del ritrovo, dell’incontro insperato e di un nuovo inizio, ma anche dell’addio e della perdita. Luoghi come testimoni silenti, talvolta partecipi, degli incroci della vita e dello sviluppo della sua trama.

 

L'AUTORE

Andrea Cirilli è nato a Jesi, nelle Marche. Dopo il liceo scientifico nella sua città natale e gli studi di economia ad Ancona, si è trasferito a Roma per lavoro, dove tuttora risiede. Esperienze di studio e lavorative lo hanno por-tato a vivere per alcuni periodi anche a Glasgow e Francoforte sul Meno. Dei luoghi o della loro assenza è la sua seconda silloge, dopo l’esordio con La vita in mezzo (Augh! Edizioni). Alcune sue liriche sono state finaliste in premi letterari nazionali. Ha inoltre pubblicato alcuni racconti brevi in antologie di autori vari.