Calendario Eventi

Ottobre 2020
L M M G V S D
28 29 30 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1

Iscriviti alla newsletter

 

Quando invii il modulo, controlla il tuo indirizzo email per confermare l'iscrizione

 

Inviaci la tua opera

Inviaci biografia, sinossi, opera completa e i tuoi recapiti per

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

e ti risponderemo in breve tempo

Pubblica con PB

Saggi, romanzi, racconti, poesie, manuali, tesi, ricerche, atti di convegni, ecc. in cartaceo e in eBook.

"REGISTRATI" per poter inserire una recensione o per acquistare. La Registrazione implica l'avere letto e accettato quanto riportato nel documento Privacy

Email

Lo sconosciuto

Codice ISBN: 9788831467346
Autore: FRANCESCO D’ANGIÒ
Titolo: LO SCONOSCIUTO
Anno di Edizione: 2020
Numero di pagine: 120
Prezzo: € 12,00
Genere: NARRATIVA - ROMANZO
Valutazione: Nessuna valutazione
Prezzo:
Prezzo di vendita: 11,40 €
Prezzo di vendita IVA esclusa: 12,00 €
Sconto: 0,60 €
Lo sconosciutoLo sconosciuto
Lo sconosciutoLo sconosciuto
Descrizione

IL LIBRO

In una collocazione temporale non ben definita e in luoghi fisici fluidi, dove c'è una bruttezza quasi protagonista assoluta a delinearli, esseri umani assuefatti a una mostruosità divenuta quotidiana e "naturale" si fanno protagonisti di una storia sull'assenza e sullo smarrimento; là dove entrambe le cose vengono considerate come "lo sconosciuto", che si inserisce in tale quotidianità che non distingue più il male dal bene, ma il male dal male. Un luogo, identificato come "il recinto", dove la vicenda ha il suo inizio e, forse, il suo epilogo, è una discarica esistenziale. Lo sconosciuto è impersonale, non ha nome; nessuno ha un nome. È in tutti coloro che dovrebbero definirsi come esseri umani, ma che di umano hanno perso ogni traccia. Restare aggrappati all'unica speranza che ci dice che alla fine anche il male muore, non dà alcuna certezza che possa rinascere qualcosa di migliore. La consapevolezza che siamo molto peggio di ciò che mostriamo è l'unica dolorosa strada per un ritorno all'essenza dell'essere.

L’AUTORE

Nato a San Vitaliano (Na) nel 1968, Francesco D’Angiò è spo-sato e residente a Matera. Esordisce nel 1997 con la pubblicazione di un racconto per una casa editrice pugliese, da titolo "Siamo tutti normali". Come ogni autore nutre l'aspettativa di poter riprendere il filo interrotto della narrazione. Ha partecipato ad alcuni concorsi letterari, conquistando piazzamenti lusinghieri.

Recensioni
Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Subcategory
Video

IL LIBRO

In una collocazione temporale non ben definita e in luoghi fisici fluidi, dove c'è una bruttezza quasi protagonista assoluta a delinearli, esseri umani assuefatti a una mostruosità divenuta quotidiana e "naturale" si fanno protagonisti di una storia sull'assenza e sullo smarrimento; là dove entrambe le cose vengono considerate come "lo sconosciuto", che si inserisce in tale quotidianità che non distingue più il male dal bene, ma il male dal male. Un luogo, identificato come "il recinto", dove la vicenda ha il suo inizio e, forse, il suo epilogo, è una discarica esistenziale. Lo sconosciuto è impersonale, non ha nome; nessuno ha un nome. È in tutti coloro che dovrebbero definirsi come esseri umani, ma che di umano hanno perso ogni traccia. Restare aggrappati all'unica speranza che ci dice che alla fine anche il male muore, non dà alcuna certezza che possa rinascere qualcosa di migliore. La consapevolezza che siamo molto peggio di ciò che mostriamo è l'unica dolorosa strada per un ritorno all'essenza dell'essere.

L’AUTORE

Nato a San Vitaliano (Na) nel 1968, Francesco D’Angiò è spo-sato e residente a Matera. Esordisce nel 1997 con la pubblicazione di un racconto per una casa editrice pugliese, da titolo "Siamo tutti normali". Come ogni autore nutre l'aspettativa di poter riprendere il filo interrotto della narrazione. Ha partecipato ad alcuni concorsi letterari, conquistando piazzamenti lusinghieri.