Calendario Eventi

Dicembre 2021
L M M G V S D
29 30 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2

Iscriviti alla newsletter

 

Quando invii il modulo, controlla il tuo indirizzo email per confermare l'iscrizione

 

Inviaci la tua opera

Inviaci biografia, sinossi, opera completa e i tuoi recapiti per

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

e ti risponderemo in breve tempo

Pubblica con PB

Saggi, romanzi, racconti, poesie, manuali, tesi, ricerche, atti di convegni, ecc. in cartaceo e in eBook.

"REGISTRATI" per poter inserire una recensione o per acquistare. La Registrazione implica l'avere letto e accettato quanto riportato nel documento Privacy

Vittime previste

Codice ISBN: 9788831467858
Autore: SERGIO MICCICHÈ
Titolo: VITTIME PREVISTE
Anno di Edizione: 2021
Numero di pagine: 234
Prezzo: € 13,90
Genere: NARRATIVA - ROMANZO
Valutazione: Nessuna valutazione
Prezzo:
Prezzo di vendita: 13,21 €
Prezzo di vendita IVA esclusa: 13,90 €
Sconto: 0,69 €
Anno di edizione: 2021
Vittime previsteVittime previste
Vittime previsteVittime previste
Descrizione

IL LIBRO

Negli ultimi due mesi e mezzo del 2020 era esplosa la seconda ondata del Coronavirus. Per salvaguardare la popolazione, il Comitato Tecnico Scientifico aveva messo a punto un piano che poneva la varie regioni su diversi livelli di pericolosità in funzione del numero di contagiati, riparametrati a 21 punti individuati in base alle peculiarità delle regioni stesse. Dal 9 novembre 2020 alla regione che superava un determinato indice veniva assegnato un colore: giallo per contagio lieve, arancione per medio e rosso per grave.

L’Autore ha preso in esame i contagi di quattro regioni fino al 20 dicembre 2020 (da quella data le regioni venivano poste in zona rossa per le feste natalizie) scoprendo un dato sconcertante. I contagi medi per quel periodo erano i seguenti: 322 contagi ogni 100.000 abitanti per la regione Lombardia, 313 per l’Emilia Romagna, 469 per il Veneto e 342 per il Piemonte. Nonostante questi numeri, il Veneto rimase per tutte le settimane in zona gialla mentre le altre tre regioni dovettero fare i conti anche con i colori rosso e arancione. Per questi accadimenti, l’autore ha dato una spiegazione romanzata e l’interrogativo resta e forse rimarrà sempre senza risposta.

 

L’AUTORE

Per una decina di anni l’autore ha lavorato come tecnico di macchine per scrivere e calcolatrici per la Olivetti. È poi approdato nell’ambiente grafico-editoriale con la mansione di responsabile del reparto prestampa-fotocomposizione presso le officine grafiche Calderini di Bologna.

 

 

Recensioni
Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Subcategory
Video

IL LIBRO

Negli ultimi due mesi e mezzo del 2020 era esplosa la seconda ondata del Coronavirus. Per salvaguardare la popolazione, il Comitato Tecnico Scientifico aveva messo a punto un piano che poneva la varie regioni su diversi livelli di pericolosità in funzione del numero di contagiati, riparametrati a 21 punti individuati in base alle peculiarità delle regioni stesse. Dal 9 novembre 2020 alla regione che superava un determinato indice veniva assegnato un colore: giallo per contagio lieve, arancione per medio e rosso per grave.

L’Autore ha preso in esame i contagi di quattro regioni fino al 20 dicembre 2020 (da quella data le regioni venivano poste in zona rossa per le feste natalizie) scoprendo un dato sconcertante. I contagi medi per quel periodo erano i seguenti: 322 contagi ogni 100.000 abitanti per la regione Lombardia, 313 per l’Emilia Romagna, 469 per il Veneto e 342 per il Piemonte. Nonostante questi numeri, il Veneto rimase per tutte le settimane in zona gialla mentre le altre tre regioni dovettero fare i conti anche con i colori rosso e arancione. Per questi accadimenti, l’autore ha dato una spiegazione romanzata e l’interrogativo resta e forse rimarrà sempre senza risposta.

 

L’AUTORE

Per una decina di anni l’autore ha lavorato come tecnico di macchine per scrivere e calcolatrici per la Olivetti. È poi approdato nell’ambiente grafico-editoriale con la mansione di responsabile del reparto prestampa-fotocomposizione presso le officine grafiche Calderini di Bologna.